5 Errori che spesso commettiamo sul denaro

In questo articolo parliamo degli errori che troppo spesso le persone comuni commettono sul denaro.

Prima di iniziare è doveroso precisare e tenere bene in mente che spesso questi errori vengono commessi in quanto si ha una visione sbagliata del denaro stesso. Esso infatti non è altro che uno strumento e nulla di più. Molti esorcizzano il denaro come se fosse il male del mondo con frasi del tipo “Meglio povero ma felice che ricco e triste”, ma la verità è che il denaro non è altro che uno strumento che abbiamo a disposizione per scambiare beni e servizi. In passato veniva usato il baratto, l’introduzione della moneta, non è altro che l’evoluzione del baratto. Noi ogni giorno, scambiamo una quantità (di denaro), in cambio di una quantità definirà di beni o servizi.

Teniamo bene in mente quindi che il denaro non solo non è il male di questo Mondo, ma è uno strumento che abbiamo a disposizione e che dobbiamo sfruttare per cercare di migliorare la nostra situazione finanziaria.

1 Accumulare denaro senza motivo

Uno dei principali errori che commettiamo quando abbiamo una somma di denaro inutilizzata, è proprio quello di accantonarlo a caso senza il ben che minimo scopo. Facciamo subito chiarezza. Risparmiare è necessario e ognuno di noi lo dovrebbe fare (anche con piccole somme ogni mese), ma dobbiamo imporci un obiettivo di risparmio. Se per esempio sappiamo che tra 10 anni la nostra macchina dovrà essere sostituita a causa dell’usura, possiamo fin da adesso (anzi sarebbe doveroso), iniziare ad accantonare del denaro in modo tale che tra 10 anni, saremo già in grado di sostituire la nostra automobile senza incorrere a finanziamenti o prestiti. Risparmiare sì ma farlo con intelligenza e per uno scopo.

2 Non avere liquidità da parte (fondo di emergenza)

Rimanendo in tema di risparmio, garantirci una parte di soldi in liquidità è molto utile in diverse situazioni. Molte persone infatti, si ritrovano a fare fronte a spese impreviste, senza avere la possibilità economica di poterle affrontare. Se nel primo punto abbiamo visto l’importanza di risparmiare per un’obiettivo che ci siamo posti, quì analiziamo la situazione sotto l’ottica degli imprevisti. A chiunque è successo di dover sostituire un elettrodomestico che da un momento all’altro ha smesso di funzionare (lavatrice, lavastoviglie,caldaia..), oppure un guasto meccanico alla macchina e sappiamo tutti quanto possa costare la manodopera del meccanico. Avere un fondo di emergenza, nel quale avere della liquidità da sfruttare in questi casi, ci può veramente salvare da situazioni disastrose. Personalmente ho capito l’importanza di avere un fondo di emergenza, in seguito ad un guasto alla mia auto costatomi 300 €. Con il mio stipendio da dipendente, quella somma ha comportato per me, dover fare alcuni sacrifici per ricoprire la spesa. Da quel momento quindi, una piccola parte del mio stipendio l’accantono su un conto deposito Santander (che paga interessi dello 0,8 % lordo), che servirà per fare fronte ad altre spese di questo tipo.

3 Pagare troppe tasse

Un errore che commettiamo tutti, chi più chi meno, è quello di sottovalutare le agevolazioni fiscali che lo stato ci mette a disposizione. Facendo qualche piccola ricerca sul web, possiamo infatti scoprire tutte le detrazioni delle quali noi cittadini possiamo usufruire per pagare meno tasse. Tutte le classi lavoratrici, dallo studente universitario alla partita iva, hanno diritto ad avvalersi di detrazioni fiscali anche piuttosto significative per ridurre le tasse a carico. Un esempio può essere rappresentato dal nuovo bonus sull’utilizzo del bancomat e delle carte di credito, grazie al quale, pagando con carta determinate tipologie di beni o servizi (come prestazioni effettuate da un dentista privato), è possibile detrarre il 19% della somma pagata, non poco. Da bravi risparmiatori quindi, ci conviene perdere un po’di tempo online e informarci bene su tutti gli sgravi fiscali che possiamo sfruttare a nostro vantaggio.

4 Aumentare le spese in base all’aumento di reddito

Un altro errore molto comune che viene commesso, è quello di modificare il nostro stile di vita con il cambiamento del nostro reddito. Molte persone infatti, una volta ottenuta una promozione in campo lavorativo, cambiano totalmente il loro stile di vita, andando quindi ad acquistare una nuova macchina, una casa più grande, ecc.. indebitandosi e ritornando quindi al punto di partenza, l’unica cosa che cambia sono gli oggetti intorno a loro. Facciamo attenzione quindi a non cadere in questo errore. Se dovessimo subire un cambiamento del reddito al rialzo, togliamoci i nostri sfizzi, festeggiamo, ma non stravolgiamo in modo eccessivo il nostro stile di vita o torneremo alla situazione di partenza.

5 Non aspettare prima di fare un acquisto

Gli acquisti di impulso, sono una delle più grandi opportunità di risparmio perse. Solitamente infatti, quando usciamo al centro commerciale o facciamo acquisti online, ci ritroviamo col comprare oggetti dei quali ci pentiamo subito dopo di aver acquistato. Aspettare 24/48 ore prima di comprare qualsiasi cosa, ci può fare capire se vogliamo veramente o no quell’oggetto e aiutarci a non cascare più nella trappola degli acquisti impulsivi. Questa tecnica è utile sia per gli acquisti online che nei negozi fisici. Se per esempio il giorno dopo faremo diversa strada per tornare al negozio a comprare quell’oggetto, sarà indice di un acquisto ponderato, in quanto nonostante tutto, abbiamo trovato la voglia per uscire di casa e tornare ad acquistare quella cosa specifica.

Conclusioni

Questi erano 5 errori che tutti più o meno commettiamo utilizzando il denaro, conoscerli può aiutarci ad allenarci a non sbagliare più e garantirci un buon risparmio in futuro.

Se hai altri consigli, scrivimelo nei commenti per aiutare me e altre persone a non sbagliare ulteriormente. Grazie per aver letto, buona giornata.

Un pensiero su “5 Errori che spesso commettiamo sul denaro

  • 06/04/2020 in 15:10
    Permalink

    5 errori che commettiamo sulla gestione del denaro. Consigli di finanza personale

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *