Investire partendo da zero, cosa va considerato prima di effettuare un investimento?

Il più grande dubbio che assale ogni investitore alle prime armi riguarda appunto come investire i propri risparmi e in quali strumenti andare a allocare queste risorse. Ebbene il mondo degli investimenti è un mondo in continua evoluzione ed è molto facile commettere degli errori che possono portarci a subire delle perdite più o meno grandi, che possono mettere a serio rischio il nostro patrimonio. É di vitale importanza quindi, capire cosa è una strategia di investimento e cosa occorre fare per iniziare ad impostarne una che sia solida e profittevole e soprattutto, che rispecchi le nostre esigenze ed i nostri obiettivi di investimento.

Come già detto investire non è un processo facile ed alla portata di tutti, bisogna dedicare molto tempo ad imparare i principi che stanno alla base di ogni investimento e in seguito applicarle ed inoltre, è un procedimento continuo che se applicato con rigore e disciplina, riuscirà a garantirci enormi soddisfazioni sia a livello economico che personale.

Andiamo quindi a capire quali sono le considerazioni da fare per creare la giusta strategia di investimento e cosa evitare per non mettere a serio rischio i nostri investimenti.

1 Capire la propria situazione finanziaria

Come qualsiasi altra cosa nella quale ci andremo ad imbattere, investire fa parte di un processo continuo, svolto a step ed ogni passaggio è fondamentale per la buona riuscita di tutto il processo. Dobbiamo quindi capire che prima di andare ad investire ci sono altri passaggi fondamentali da seguire, senza i quali metteremmo sotto forte stress i nostri nervi e la nostra tranquillità mentale, e visto che stiamo investendo i nostri risparmi, non possiamo permetterci di commettere errori dettati dal nervosismo. Prima di investire, abbiamo il dovere di seguire i seguenti passaggi:

Guadagnare: se prima non iniziamo a percepire un reddito mensile fisso, non potremmo mai riuscire ad investire i nostri risparmi, proprio per il motivo che non ne avremmo mai a disposizione.

– Pianificare: una volta che riusciremo a guadagnare una buona somma di denaro ogni mese, potremmo iniziare a pianificare vari strategie di risparmio e di investimento, legate ad i nostri obiettivi futuri.

Risparmiare: prima di investire è doveroso risparmiare una somma di denaro, necessaria a garantirci un paracadute di emergenza nel caso dovessimo ritrovarci senza lavoro o senza il nostro reddito mensile.

Investire: soltanto dopo aver affrontato i tre step precedenti, potremmo sentirci liberi di investire i nostri risparmi in base ad i nostri orizzonti temporali ed obiettivi di vita.

Ora che abbiamo stabilito quali sono i passaggi da seguire prima di investire i nostri soldi, andiamo a pianificare la nostra strategia di investimento, ed ad individuare i giusti strumenti che ci possono aiutare a raggiungere i nostri obiettivi.

2 Definizione degli obiettivi

Ora che abbiamo iniziato a guadagnare in modo costante e sicuro, possiamo prenderci del tempo per iniziare a pianificare i nostri obiettivi di vita. Per pianificare i nostri obiettivi, dobbiamo quindi stabilire due fattori:

– Definizione e Quantificazione obiettivo, (Es; Pensione complementare: 100’000 €, Università: 20’000 €, ecc..)

Definizione orizzonte temporale, (Es; 1-2 anni, 5-7 anni, 10 anni, 20 o più, ecc..)

Questi due fattori sono la chiave principale di ogni nostro investimento a devono essere pianificati con estrema cura, al fine di evitare di ritrovarsi in situazioni al di sopra delle nostre possibilità. Se per esempio dovessimo impegnarci ad investire una certa somma di denaro ogni mese in un determinato strumento finanziario e per qualche motivo non dovessimo riuscire ad onorare gli accordi per qualche mese, oltre che ad compromettere il rendimento del nostro investimento, potremmo anche incorrere in penali salate, nel caso ci fossimo affidati a qualche ente di investimento come le banche o le Poste. Valutiamo quindi l’ipotesi peggiore che ci possa capitare, ed agiamo in base ad essa.

3 Assegnare ad ogni obiettivo, un portafoglio

Una volta individuati gli obiettivi che vogliamo raggiungere in un determinato arco temporale, non ci resta che individuare lo strumento finanziario, capace di farci raggiungere tale obiettivo. Se infatti stiamo iniziando ad investire con l’obiettivo di crearci una pensione complementare di 100’000 €, ed abbiamo un orizzonte temporale di 30 anni, non dovremmo fare altro che investire 150 € al mese (1’800 € all’anno) nell’azionario globale, con un rendimento medio annuo del 6%. In questo modo alla fine dei 30 anni, avremmo accumulato ed investito 54’000 €, che grazie all’interesse composto, saranno diventati 142’304 €, che, al netto della tasse, corrispondono a 105’302 €. Se invece dovessimo avere un orizzonte temporale più breve, saremo meno disposti a tollerare il rischio dell’azionario e ci andremo ad orientare su altri strumenti, come ad esempio il comparto obbligazionario. É inoltre importante, stabilire un capitale da assegnare ad ogni portafoglio e rispettarlo in modo disciplinato e costante, in modo da non mettere a repentaglio, il buon raggiungimento dei nostri obiettivi finanziari.

4 Costruzione del portafoglio: quali strumenti inserire

Una volta individuati i singoli portafogli di investimento, è giunto il momento di scegliere con cura, quali saranno gli strumenti finanziari che lo andranno a comporre. Abbiamo infatti parlato nell’esempio del punto 3, del mercato azionario globale. In questa fase, andremo quindi a selezionare lo strumento migliore che ci permetta di investire nell’azionario globale ad il minor costo possibile, per non dovere rinunciare ad un’importante parte dei guadagni. In questo caso, la scelta migliore che possiamo fare, è quella di affidarci ad un ETF azionario globale a basse commissioni, come quello che sto usando nella costruzione del mio PAC, al quale ti rimando attraverso questo link. Lo stesso discorso lo possiamo fare con il reparto obbligazionario. Anche in questo caso, possiamo affidarci ad un ETF, in modo da garantirci un’ottima diversificazione ad un costo veramente basso. Volendo fare un altro esempio, se ci siamo prefissati di risparmiare 10’000 € da utilizzare in caso di emergenza, andremo a depositare una somma mensile in un Conto Deposito, magari vincolandone una parte, in modo tale da ottenere interesse maggiore sulle somme depositate.

5 Raggruppare tutti i portafogli, in un portafoglio totale degli investimenti

Una volta che avremmo creato ogni singolo portafoglio dedicato ad un obiettivo e avremmo associato ad esso il giusto strumento finanziario, non ci resta altro che raggruppare tutti i portafogli un uno più grande, da monitorare e ribilanciare periodicamente. Per ribilanciare un portafoglio, si intende vendere una porzione delle posizioni che stanno crescendo maggiormente rispetto tutti gli altri investimenti e ridistribuire i profitti ottenuti sugli altri asset. Ovviamente non siamo obbligati a ribilanciare il nostro portafoglio. Se infatti stiamo costruendo un PAC, stiamo puntando ad accumulare quanto più denaro possibile e quindi vendere una porzione dei profitti non giocherebbe a favore del nostro obiettivo.

Conclusioni

Investire è un processo continuo che richiede una buona preparazione ed è veramente facile commettere degli errori. Se però viene svolto analizzando bene la nostra situazione finanziaria, definendo gli obiettivi ed in base ad essi andando ad utilizzare i giusti prodotti finanziari, il raggiungimento di tali obiettivi potrà avvenire in modo molto semplice e veramente soddisfacente sotto tutti i punti di vista. Gli esempi sopra citati sono esclusivamente a scopo puramente esemplificativo, ovviamente investire non è così semplice ed immediato ma lo può diventare con un po’ di pratica. Come sempre vi ringrazio per aver letto fino a qui e se vi è piaciuto l’articolo, fatemelo sapere con un commento qua sotto. Grazie ancora per essere stati con me, buona giornata!

Un pensiero su “Investire partendo da zero, cosa va considerato prima di effettuare un investimento?

  • 25/11/2020 in 21:27
    Permalink

    Stai pensando di investire una somma di denaro ma non hai idea di come iniziare a farlo? In questo articolo andiamo a vedere quali sono le giuste considerazioni da fare per chi intende approcciarsi agli investimenti partendo da zero. Se hai altri suggerimenti o se vuoi farmi sapere se ti è stato utile l’articolo, lascia un commento qui sotto. Grazie per aver letto fino a qui, buona giornata

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *